home

Condividi su Condividi su Facebook


SIAE azzera tutte le convenzioni: doverose precisazioni

02-10-2017
Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Mario Barone, Commissione Paritetica SIAE – UNPLI, con le doverose precisazioni sulle cancellazioni delle vigenti Convenzioni da parte di SIAE.

"Alcuni hanno letto gli articoli apparsi sui maggiori quotidiani italiani (Il Sole 24 Ore – La Stampa – ecc. ) nella giornata del 28 settembre c.a. aventi il titolo in oggetto della presente.
 
Naturalmente non Vi nascondo che è stato un forte fulmine a ciel sereno, di conseguenza in accordo con il Presidente La Spina, che ringrazio, ci siamo urgentemente attivati nei confronti della SIAE.
 
La prima rassicurazione ci è pervenuta telefonicamente, la seconda che reputo più importante in quanto formale, è arrivata via e-mail certificata alle ore 17,17 a firma del Direttore Generale della SIAE Dott. Blandini che riporto testualmente:
 
Scusate se mi permetto, ma ancora una volta i quattro ( due SIAE – due UNPLI ) estensori della vigente Convenzione SIAE – UNPLI del 2 giugno 1999, sono stati  lungimiranti inserendo la precisa ed importante clausola/garanzia su riportata. 
 
Conclusione, l’UNPLI non è fra le numerose importanti Associazioni che volutamente non riporto ma che sono ormai note a tutti, che avranno la cancellazione delle convenzioni in essere.
 
Ancora una volta e scusatemi se mi permetto di esternare a coloro, pochi per fortuna, che continuano a dire che la nostra convenzione è cara in termine di Diritto d’Autore e poco chiara, quindi consigliano alle Pro Loco di non più pagare la tessera di iscrizione alla nostra importante UNIONE; questi ed altri sono i risultati noti che contano.
 
Colgo infine l’opportunità per sensibilizzare tutte le nostre Pro Loco di presentare sempre ai Mandatari SIAE la tessera UNPLI dell’anno in corso al momento della richiesta di un permesso SIAE.
 
Ribadisco, vista la continua riduzione delle Mandatarie SIAE, di attivare il sistema on-line PORTUP – POP, prima di essere poi seriamente obbligati a farlo e  senza il dovuto supporto".