home

Condividi su Condividi su Facebook


Liberalizzazione del Diritto d’Autore in Italia con le Società di collecting SIAE - Soundreef/LEA dal 01/01/2018

06-06-2018
Riceviamo e pubblichiamo questa comunicazione da parte di Mario Barone, della Commissione Paritetica UNPLI.
 
"Purtroppo la situazione presente su tutto il territorio italiano a partire dal 1° gennaio 2018 è complessa in quanto, mancando l’accordo fra le Società di collecting  SIAE – Soundreef/LEA, tutto diventa difficile, caotico e costoso.

Come già più volte comunicato, ricordo che per evitare il doppio versamento del Diritto d’Autore alle due Società l’UNPLI in data 7 gennaio 2018 ha invitato le suddette ad un incontro operativo/risolutivo presso la nostra sede di Roma per giungere alla conclusione di questa annosa ed atipica diatriba.

Purtroppo SIAE non ha ancora risposto a questa nostra importante iniziativa, quindi per evitare eventuali problematiche alle nostre Pro Loco – mancato pagamento del dovuto Diritto d’Autore a Soundreef/LEA - abbiamo sottoscritto questo temporaneo accordo con questa nuova Società di collecting.

Colgo nuovamente l’opportunità per ribadire che a partire dal 1° gennaio 2017 alcuni Autori sono usciti da SIAE e sono migrati in Soundrref/LEA.

Dal 1° gennaio 2018 in Italia è finalmente vigente la Normativa “ Barnier “ del 2014/26/UE, che ci costringe in questa incresciosa situazione di non dialogo fra le due Società citate, di essere veramente in difficoltà sul coerente versamento del dovuto Diritto d’Autore.

Da parte UNPLI a partire dall’inizio del 2017 si sta lavorando per evitare il doppio pagamento del diritto d’autore, in quanto il tutto è semplicemente limitato ad una semplice migrazione di autori.

Come più volte già comunicato, è compito degli organizzatori (Pro Loco nel nostro caso) sincerarsi dai responsabili dei “ Complessi musicali “  di quali autori sono i brani che verranno da loro eseguiti e quindi coerentemente scritti sul “ Programma Musicale - Borderò “ (farsi sempre una copia dei Borderò prima di consegnarli alla SIAE).

Se i brani li scritti sono tutti di autori tutelati SIAE, bisogna come sempre recarsi dal Mandatario di riferimento ed effettuare il relativo permesso prima dell’effettuazione dell’evento.

Nel caso i brani musicati eseguiti nel corso dell’evento siano di autori tutelati da entrambe le Società di Collecting (SIAE – Soundreef/LEA), andrà fatto il versamento del diritto d’autore ad entrambe le Società citate (Tariffe SIAE presenti nella Convenzione Anno 2018 – Accordo Soundrref/LEA). Situazione transitoria in attesa di definizione.

Mentre, se i brani eseguiti sono solamente di autori tutelati Soundreef/LEA, dovrà essere fatto prima dell’evento il solo versamento a questa società come comunicato in data 11 c.m. Prot. N. 127/2018.

Non nascondo che in certi casi si debba effettuare il doppio versamento, ma questo non dipende da UNPLI, bensì dalle due Società di collecting che non stanno chiaramente trovando un logico accordo fra di loro.

Per dovere di cronaca/trasparenza/correttezza, comunico che tutte le grandi Società presenti in Italia ( Mediaset – Sky, ecc. ) sono purtroppo nella nostra medesima e spiacevole situazione.

Da parte mia sto chiaramente aspettando che da queste “ grandi Società “ nasca un contenzioso per addivenire alla logica soluzione del problema (es.: quello presente per il Diritto Connesso, dove le Pro Loco attraverso SIAE pagano ad SCF il tutto e poi SCF suddivide le varie percentuali ad AFI – Nuovo IMAIE – Itsright).

Qui mi fermo, sono comunque sempre a Vostra totale disposizione per chiarire questo annoso problema presente in Italia da inizio 2018 (oso dire da inizio 2017, in quanto alcuni problemi sono già sorti l’anno scorso) non voluto per nessun motivo dal sottoscritto e dall’UNPLI".