home - News

Condividi su Condividi su Facebook


Dall'osservatorio regionale: il turismo balneare è trainante per Imperia

23-05-2012
E’ il turismo balneare il prodotto che traina la domanda in provincia di Imperia: nelle località turistiche della riviera soggiorna infatti l’81% dei turisti che visitano la provincia, su una media ligure in cui il prodotto mare pesa per il 64,8%. E’ quanto emerso dal forum sul turismo alla Camera di Commercio di Imperia con l’assessore regionale al turismo Angelo Berlangieri sulle attività svolte dall’osservatorio turistico regionale nel corso del 2011 e la programmazione del 2012.
I dati ufficiali relativi al 2011 riportano per la Liguria un totale di 3.886.463 arrivi con un incremento del 5,3% rispetto al 2010 e 14.169.929 presenze e un incremento del 2,6%. Proprio le presenze straniere mantengono un trend in crescita per tutte le province e in particolare per Imperia che fa registrare una delle migliori performance con un aumento, tra il 2010 e il 2011, pari a +12,3% a fronte di un +4,2% nel 2009-2010. Per la provincia di Imperia interessanti anche i dati relativi al mercato organizzato internazionale: nel 2011 Imperia cresce nell’interesse dei grandi buyer internazionali ed è venduta dal 25,9% dei tour operator che trattano la Liguria contro appena il 3,3% dell’anno precedente.
In Liguria nel 2001 l’impatto economico del turismo è stato pari a 5,2 miliardi di euro rispetto ai 4,8 miliardi del 2010, per il 30% circa legati ai consumi dei turisti  che hanno soggiornato in strutture ricettive e per il restante 70% a quelli dei vacanzieri delle seconde case.
Dati che si collocano in uno scenario caratterizzato da una profonda crisi economico-finanziaria mondiale fino alle calamità ambientali che hanno colpito in prima persona la Liguria determinando profonde ripercussioni nel settore turistico e contribuendo a modificare le motivazioni e i comportamenti di consumo dei turisti. Si da infatti più spazio a fattori come la convenienza economica, un soggiorno più breve, la vicinanza e l’ospitalità offerta da amici e parenti.
Per quanto riguarda poi la programmazione  per il 2012 obiettivo dell’osservatorio è quello di proseguire le consuete attività per permettere un’analisi storica dei fenomeni nell’arco degli ultimi 5 anni e costruire così uno scenario di previsione sui mercati della domanda, quale guida strategica per le attività promozionali che la Regione intenderà realizzare e misurare il valore aggiunto prodotto dal turismo in Liguria.

 
http://